Web 1.0 Web 2.0 Web 3.0 rappresentano importanti punti di svolta nell'evoluzione di Internet. Comprendere le somiglianze e le differenze tra queste tecnologie è come comprendere il nostro passato, presente e futuro. Per quanto cruciali siano questi termini, raramente vengono descritti completamente. Presto capirete esattamente perché questi sviluppi sono così significativi e cosa significano per il futuro.

Menù rapido:

La differenza tra Web 1.0 2.0 3.0 in poche parole

Il Web 1.0 era definito principalmente da testo e immagini statici. Le pagine Web 1.0 raramente avevano molti ornamenti visivi o interattività. Il Web 2.0 ha cambiato tutto questo rendendo i siti più interattivi. È stato principalmente definito dalla capacità degli utenti di interagire con il contenuto di un sito e altri utenti. Le API hanno semplificato l'aggiunta di codice ai siti Web. Il Web 3.0 ha spostato la maggior parte dei contenuti del sito in enormi database paralleli. L'intelligenza artificiale e la tecnologia semantica offrono ai computer una maggiore libertà di lavorare con quei dati. Questo rende anche più facile per i sistemi utilizzare le tecniche 3D per collegare il Web con implementazioni basate su metaverse.

Spieghiamo il Web 1.0 in modo più approfondito

È essenziale tenere a mente quanto fosse semplice il Web nei suoi primi giorni. Il movimento tra Web 1.0 Web 2.0 Web 3.0 è stato più rivoluzione che evoluzione. Il Web 1.0 è simile a quello utilizzato oggi. Ma questa somiglianza è solo superficiale.

Web 1.0, Web 2.0 e Web 3.0 utilizzano tutti HTML (Hypertext Markup Language). Web 2.0 e Web 3.0 utilizzano spesso HTML generato al volo dai server. Ma l'HTML nel Web 1.0 è tutto codificato a mano utilizzando quello che ora è considerato un sottoinsieme minimo di HTML.

L'HTML utilizzato dal Web 1.0 manca dello stile di scripting a cascata visto oggi. I programmatori potrebbero, al massimo, allineare immagini e componenti incorporati con termini vaghi come CENTRO o DESTRA, altrimenti, Web 1.0 mescolava testo con supporti incorporati approssimativi. Anche lo streaming video è stato supportato solo tramite plug-in proprietari di terze parti come Quicktime o Realplayer.

Caratteristiche del Web 1.0

Ci sono essenzialmente quattro caratteristiche principali del Web 1.0. Il primo è che le pagine web sono statiche: script o processi esterni non le modificano. In secondo luogo, questa natura statica è ulteriormente consolidata perché l'HTML del sito essenzialmente solo file che si trovano su un server. Questo è simile ai file di testo in una directory sul tuo computer.

Inoltre, i file possono apparire non statici a causa di inclusioni lato server o CGI (Common Gateway Interface). Ma questi sono solo collegamenti che includono dati da altri file, come le citazioni. Infine, Web 1.0 utilizza frame e tabelle insieme a tag di posizionamento approssimativi per fornire il layout della pagina.

Esempi di Web 1.0

Uno dei migliori esempi di Web 1.0 sono le vecchie pagine Geocities. Mentre Geocities nel suo insieme è sparito, il loro contenuto lo è archiviato in linea. Questo tipo di mirror è possibile perché il testo e le immagini del sito Web sono statici. Entrambi sono semplicemente file sull'unità di un server.

di Cern World Wide Web è il primo vero sito web. Il semplice testo con link è un perfetto esempio di Web 1.0.

Infine, il sito Web Cameron’s World offre un enorme collage di contenuti Web 1.0. È tutto materiale archiviato dagli anni '90 e unito come un tutto senza soluzione di continuità.

Web 1.0 2.0 3.0 esempi di web 1.0
Immagine attribuzione: Sito web Cameron’s World

Spieghiamo il Web 2.0 in modo più approfondito

Il Web 1.0 è stato definito da pagine statiche di fronte sia agli utenti che ai server. Il Web 2.0 è definito in gran parte dalla partecipazione dinamica. I siti Web 2.0 sono in continua evoluzione.

Alcune modifiche provengono dagli utenti che fanno clic su elementi dinamici o commentano. Altre modifiche provengono dal server poiché estrae informazioni da database o API remoti. Ancora più modifiche provengono da CSS (script di stile a cascata), Javascript e altri sistemi di scripting. Questi sistemi di scripting hanno anche dato origine a app Web complete. Si tratta di siti Web 2.0 che forniscono funzionalità normalmente limitate ai programmi desktop.

Gran parte di questo è possibile grazie ai server, ai computer domestici e ai dispositivi mobili che diventano tutti più potenti. I server sono diventati più capaci di caricare le informazioni dai database, migliaia di volte al secondo. I browser Web sono stati in grado di eseguire linguaggi di scripting in grado di riscrivere dinamicamente tali informazioni. Anche le velocità di Internet sono aumentate per gestire tutto questo.

Caratteristiche del Web 2.0

Il Web 2.0 ha quattro caratteristiche principali che lo differenziano dal Web 1.0. Il primo è che il Web 2.0 ordina liberamente le informazioni indipendentemente da file specifici su un server. In secondo luogo, l'interazione dell'utente può modificare dinamicamente il contenuto del sito. Il terzo punto è che mentre le discussioni su un sito non sono necessarie, possono comunque essere facilmente abilitate. L'uso di blocchi di codice in un'API è la quarta caratteristica del Web 2.0. E infine, è essenziale tenere a mente le proprietà emergenti. Questo perché una maggiore interazione e facilità d'uso hanno creato comunità attorno a siti specifici.

Esempi di Web 2.0

La progressione dal Web 1.0 al Web 2.0 può essere meglio riconosciuta nell'ascesa dei social media. Facebook, in particolare, mostra tutte le caratteristiche della 2.0. Facebook aggiorna costantemente le informazioni che vedi accedendo ai suoi database. Tali informazioni provengono spesso da post e discussioni generati dagli utenti.

Twitter è un altro esempio di Web 2.0. Utilizza anche presentazioni generate dinamicamente con i dati delle discussioni online.

Infine, Google Docs mostra come il Web 2.0 può essere sfruttato per creare applicazioni. Quando è stato rilasciato Google Docs, non c'erano molti concorrenti per Microsoft Word. Un word processor online ha cambiato il modo in cui le persone vedevano il web.

Video: Presentazione di un nuovo Google Docs

Spieghiamo il Web 3.0 in modo più approfondito

Uno dei cambiamenti più significativi nel Web 3.0 deriva dal modo in cui i server utilizzano le informazioni all'interno dei loro database. 2.0 ha visto le informazioni inserite o rimosse dinamicamente dai database per creare una versione più dinamica di Internet. Ma con 3.0 c'è una relazione più umana con i dati.

Gli esseri umani registrano i ricordi e lavorano con loro attraverso il nostro intelletto. Il Web 3.0 vede i computer non solo memorizzare i dati, ma anche comprenderli. Prima di questo punto, i computer stavano essenzialmente archiviando dati, ma non capivano davvero cosa significasse la maggior parte di essi per i lettori umani. Con il Web 3.0, le macchine sono diventate abbastanza potenti da capire cosa c'è nelle loro banche dati.

3.0 segna anche il punto in cui i dati e gli utenti possono essere mappati in viste 3D. Questo apre la possibilità di sfruttarlo tramite VR o altri punti di ingresso per il metaverso. 3.0 è, per molti versi, un mondo letterale di dati viventi.

Caratteristiche del Web 3.0

L'elaborazione semantica è un segno distintivo del Web 3.0. Questo processo è il modo in cui i computer possono analizzare il testo per comprenderne il significato effettivo. Ciò è reso possibile da un'altra caratteristica del 3.0: l'intelligenza artificiale. Entrambi sono ulteriormente aiutati dalla connettività tra più nodi. L'elaborazione distribuita rende più facile per i computer sfruttare l'intelligenza artificiale per pensare.

Le capacità 3D sono la prossima caratteristica del Web 3.0. Questo può descrivere i dati archiviati come array 3D. Tali informazioni possono anche essere disposte in paesaggi 3D per implementare il metaverso. Infine, tutto questo è onnipresente su più piattaforme.

Esempi di Web 3.0

Wolfram Alpha è uno dei migliori esempi di Web 3.0. Accetta le query e le risposte in testo normale di un utente basate su dati strutturati da database e libri. La piattaforma utilizza un'intelligenza artificiale avanzata per analizzare e comprendere il testo scritto al loro interno. E tutto questo viene fatto con oltre 10.000 processori che lavorano insieme.

Google Earth fornisce un esempio Web 3.0 che evidenzia come la visualizzazione 3D può funzionare con l'input umano per creare paesaggi virtuali lussureggianti e interattivi.

Mozilla fa un ulteriore passo avanti Hubs. Forniscono un'implementazione metaverse che può funzionare tramite VR e browser Web.

Video: questo è il nuovo Google Earth

 

Per uno sguardo più approfondito sul Web 3.0, leggi il “Guida Web 3.0; Spiegato chiaramente con esempi” articolo.

Puoi vedere che il viaggio tra Web 1.0, Web 2.0 e Web 3.0 è stato entusiasmante. È passato dal testo normale alle macchine pensanti e altro ancora. 3.0 è ancora in crescita e creerà un futuro fantastico.

Ti è piaciuto questo articolo su Facebook Metaverse?

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Altri suggerimenti relativi a Metaverse

Metamandrill.com mira a fornire informazioni esplicative e pratiche sul metaverso e argomenti correlati. Puoi trovare tutti i suggerimenti nelle categorie metaverso, Spiegatori e guide, mondi virtuali e giochi, dispositivi e NFT.